Sbiancamento

Se non si è soddisfatti del colore dei propri denti, oggi ci sono dei sistemi molto validi per schiarirli.
Innanzi tutto si devono individuare le cause della pigmentazione (discromia); esse possono essere varie:
 
intrinseche: discromie da tetracicline (antibiotici assunti in età infantile), fluorosi ecc ed estrinseche: fumo, caffeina, teina, altre sostanze alimentari, invecchiamento ecc.
 
Lo sbiancamento può variare nelle modalità di esecuzione a seconda della causa, ma le metodiche moderne si avvalgono tutte di sostanze ossidanti (perossido di idrogeno e perossido di carbammide) a diverse concenterazioni.
 
Lo sbiancamento si può effettuare sia sul dente devitalizzato (il cambiamento di colore qui avviene quasi sempre) che sui denti vitali (bleaching vital). Sul dente devitalizzato la sostanza sbiancante si applica all' interno del dente, dopo una adeguata preparazione, mentre sui denti vitali si applica sulle superfici esterne. Esistono fondamentalmente due modalità di applicazione: in studio (office bleaching) e domiciliare (home bleaching)
 
La modalità "in studio", più rapida, si avvale di prodotti a più alta concentrazione, per cui va effettuata sotto stretto controllo del dentista il quale deve isolare i denti, proteggendo le gengive dall' azione del gel sbiancante che, ad alte concentrazioni, è irritante per i tessuti molli. Bastano una o due sedute per arcata, di circa mezz' ora ciascuna e il trattamento è concluso.
 
La modalità "domiciliare" si avvale di prodotti a concentrazione più bassa, che richiedono più tempo per agire e sono poco irritanti per le gengive. Si fabbrica una "mascherina" in materiale plastico morbido e trasparente, su misura, grazie a delle impronte delle arcate dentarie, e si consegna al paziente insieme al la confezione di gel sbiancante. questi la indosserà la sera, prima di coricarsi, dopo aver lavato i denti e dopo averla riempita col gel.
 
Il trattamento dura solitamente una settimana e i risultati sono già evidenti.
 
Conservando la mascherina, si può anche "rinforzare" il trattamento dopo un anno o più, all' occorrenza.

 
Una volta completato il trattamento ed ottenuto il risultato 
desiderato, si possono rinnovare eventuali otturazioni che, adesso appariranno più scure rispetto al "nuovo" colore dei denti
.